La notte di Natale

 

IÌND’A NA STADDE DE BBARE VÈCCHIE
IN UNA STALLA DI BARI VECCHIA
(LA NOTTE DE NATÀLE)
(LA NOTTE DI NATALE)

(LA REVÒLDE DE L’ANEMÀLE SFRUTTÀTE)
(LA RIVOLTA DEGLI ANIMALI SFRUTTATI)

SCENA I

CIÙCCE:     Chembà Vove, non zìinde iìnd’a ll’àrie na strane senzazziòne accòme c’av’a seccède ngocch’e ccose? Stà nu sorte de selènzie tutt’attùrne e n’addòre spegiàle de fiùre, iègne l’àrie.
ASINO:       Compare Bue, non senti nell’aria una strana sensazione come se dovesse
succedere qualcosa?C’è un grande  silenzio tutto intorno ed un soave profumo di fiori riempie l’aria.

VOVE: Care chembà Ciùcce, ce ccose uè ca va seccède iìnd’a cchèssa tèrre termendàte addò le crestiàne s’accìdene e ll’èrve tène u u-addòre de la gramègne? Frate condr’a frate,…famìgghie condre famìgghie! Avàste nudde pe vendecà pure n’offèse peccenònne accedènne.
BUE:           Caro compare asino, cosa vuoi che accada in questa terra tormentata dove gli esseri umani si ammazzano e l’erba ha il sapore della gramigna?Fratello contro fratello,…famiglia contro famiglia!
Basta un niente per vendicare piccole offese con l’omicidio.

CIÙCCE: E non avàste! U paìse è cchìine de stranìire che le cavàdde lore ca, accòme le patrùne lore, sò prepotènde e ttìrene a ccalge a drètte e a mmanghe. Càmbene bbùune lore! Le stadde lore sò de lusse e u vitte iè ccosa fine.
ASINO:         E non basta! Il paese è pieno di stranieri con i loro cavalli che,come i loro padroni, sono prepotenti e tirano calci a dritta ed a manca. Vivono bene loro! Le loro stalle sono di lusso ed il vitto è prelibato.

VOVE: Cusse percè non avònne mà prevàte a terà u u-aràtre o a pertà u càreche n-guèdde accòme facìme nù!
BUE:             Questo perché non hanno mai provato a tirare l’aratro o portato la soma come facciamo noi!


CIÙCCE: Iè ggiùste, care chembàre! Iè ggiùste! Iì vènghe da Martìna Franghe e pe iànne sò cammenàte che le frasche e la liòne sop’a la sckène. Tènghe le rìne spezzàte e s’avònne chenzemàte totte l’ògne de le pìite.
ASINO:         E’ giusto, caro compare! E’ giusto! Io vengo da Martina Franca e per anni ho camminato con le frasche e la legna sulla groppa. Ho i reni spezzati e si sono consumate tutte le unghia degli zoccoli.

PÈGHERE: Vu ve stat’a lamendà! E iì ce ià dìsce ca màngeche asselùte ièrve e dogghe la lane, u llatte e a la fìne  me scànnene e me mèttene iìnd’o furne ad arròste?
PECORA:    Vi lamentate voi! Che devo dire io che mangio solo erba e dono lana,  latte ed alla fine mi scannano e mi mettono al forno?

CIÙCCE: Amà reclamà a ttutte sti cose! Amà preparà na manefestazziòne de protèste pe defènne le derìtte nèste de bèstie cevìle e sfruttàte. Ngi-amà scangià le rùule. Iè ggiùste ca le cane e le gatte avònna cambà sènze ca fàscene nudde? Tutte l’attenziòne de le crestiàne sò pe llore! vènene cheràte a llatte d’acìidde…cu mangià a mmègghie a mmègghie e dòrmene iìnd’a la cùcce tutte pe llore o adderettùre sop’a la sboldròne. Iè ggiùste tutte cusse? Iì vògghie pegghià u poste du gatte: me vògghie sdraià sop’a na sboldròne, vògghie ièsse accarezzàte, pegghiàte m-bbrazze e pezzìnghe a partecepà a le congòrse de bellèzze accòme fàscene a le cane e a le gatte.
ASINO:     Dobbiamo reagire a questo stato di cose! Dobbiamo preparare una manifestazione di protesta per difendere i nostri diritti di animali civili e sfruttati. Dobbiamo scambiarci i ruoli. Ti sembra giusto che i cani ed i gatti vivono senza fare niente? Tutte le attenzioni degli esseri umani sono rivolte a loro!Sono curati, nutriti con cibi prelibati e dormono in comodi lettucci. E’ giusto tutto questo? Io voglio prendere il posto del gatto: mi voglio sdraiare su di una poltrona, voglio essere accarezzato, preso in braccio e persino partecipare ai concorsi di bellezza come fanno i cani ed i gatti.

VOVE: Iì vògghie pegghià u poste du cane. Agghi-a scì a spasse da ddò e da ddà pe ièsse ammeràte e avè le muìne accòm’a iìdde. Vògghie dedecàrme pure a la cacce e a la recèrche…de le taratùffe m-mènz’o vosche. Iì tènghe nase pe annascà le piste.
BUE:            Io vorrei prendere il posto del cane. Devo andare a spasso di qua e di là per essere ammirato e corteggiato come lui. Voglio  dedicarmi anche alla caccia e alla ricerca…dei tartufi. Io ho il naso adatto per fiutare e seguire le piste.

CIÙCCE: A propòsete, care chembàre, sì sendùte parlà d’albèrghe a ccìnghe “stadde” pe le cane e le gatte?…
ASINO: A proposito, caro compare, hai sentito parlare di alberghi a cinque  “stalle”per cani e gatti?…

VOVE: A ccìnghe “stadde?”, uè dìsce a ccìnghe “stèdde”.
BUE: A cinque  “stelle”,compare, a cinque “stelle”.

 CIÙCCE:  Stadde o stèdde lore stonne sèmbe mègghie de nù! Servùte da nanze e
da drète, la da vedè…sprefemàte e cheràte ch’u “indromessàgge”
ASINO: Beh! Stalle o stelle loro stanno sempre meglio di noi! Serviti davanti e di dietro, profumati e curati con “indromessaggi”!

VOVE: Indromassàgge, combàre!…In-dro-mas-sà-gge…!
BUE: Idromassaggi, compare! Idromassaggi….!

PÈGHERE: E ssèmbe vu facìte carte! Asselùte vu avìte n-gestìzzie? Asselùte vu sìite bbrave? E iì ce àgghi-a dìsce, pure avènne u ssanghe iìnd’a le vène e cheràgge da vènne, stogghe angòre ddò? Acquànne fazze…bèèh!, pezzìnghe le liùne de la forèste sckàndene e se refùgene sop’a n’àrrue tremuànne pe la cacàzze. Iì vogghe defènne tutte chidde ca stonne male adavère e le sfruttàte, da cusse munne mbame.
PECORA:   E sempre voi parlate! Soltanto voi subite ingiustizie? Solo voi siete bravi?Che devo dire io che, pur avendo grinta e coraggio, sono ancora qui? Quando faccio…beeh!,persino i leoni della foresta si spaventano e si rifugiano sugli alberi  tremando di paura. Io desidero difendere tutti gli oppressi e gli sfruttati.

CIÙCCE (rivolgendosi o Vove): Nèh!..Pure le pùdece, fàscene la tosse! Ma ce
fessarì stà ddìsce!
ASINO (rivolgendosi al Bue): Pure le pulci…fanno la tosse! Ma va!

UN GALLO APPOLLAIATO IN UN ANGOLO DELLA STALLA INTERVIENE

SCENA II

GARDÌIDDE : Sò sendùte le trascùrse uèste e ve dogghe rasciòne. Iì fazze
parte du sendacàte O.C.A. ca vole dìsce: “Organezzazziòne Condre l’Abùse” e vògghie pegghià le defèse voste accòme fazze che le gaddìne ca mèttene tande iòve e ppò fernèsscene iìnd’a la fresòre o arrestùte iìnd’o gerrarrùste. E iè la fine ca fàzzeche pure iì! E allòre, velèsse organezzà nu granne cortè. Am’a marcià aunìte alzànne la cote accòme fàscene le crestiàne che le cartellùne de protèste.
GALLO:  Ho ascoltato i  vostri discorsi e vi do ragione. Io faccio parte del
sindacato O.C.A. che significa: “Organizzazione Contro gli Abusi” e desidero prendere le vostre difese come faccio per le mie galline che depongono tante uova e poi finiscono in una pentola o su  di un girarrosto. E’ la fine che faccio anch’io!Perciò, vorrei  organizzare un grande corteo. Dobbiamo marciare uniti alzando le code come fanno gli esseri umani con i cartelloni di protesta.

1ª GADDÌNE: Accòme iè bbrave marìdeme…!
1^GALLINA:   Come è bravo mio marito….!

2ª GADDÌNE: Marìtte?…Sò iì la megghière…!
2^GALLINA:   Tuo marito? Sono io la vera moglie…!

GARDÌIDDE : La velìte fernèssce? e ppò dìscene ca addò stonne le gadde…non
fasce ma dì! Feguràmece addò stonne…dò peddàstre! Ma mò penzàme o cortè!
GALLO: La smettete?E poi dicono che dove ci sono due galli….non fa mai giorno! Figuriamoci dove ci sono….due pollastre!Ma ora pensiamo al corteo!

CIÙCCE: GGiùste, bbrave, bravìsseme! Am’a vedè ce avònn’a dìsce angòre: «Ce la fatìche iève bbone avèven’a fadegà pure le ciùcce…». Oppùre: «Cudde iè nu ciùcce…làssua pèrde!». O angòre: «…iè nu ciùcce, no stùdie e non gapìssce nudde».
ASINO:        Giusto, bravo, bravissimo!Vedremo se diranno ancora : ” Se la fatica piacesse lavorerebbero anche i ciuchi…”. Oppure : ” Quello è un asino…lascialo perdere!”.O ancora: “…è un ciuccio, non studia e non capisce niente”.

VOVE: Te stà lamìinde sule tu. Ce ccose àgghi-a dìsce iì ca me chiàmene “CHERNÙTE” da la matìn’a la sère? Nù…no sciàm’a nnozze come fàscene le crestiàne! le mucche noste sò bbèlle e fedèle…!
BUE:             Ti lamenti solo tu. Cosa dovrei dire io che mi chiamano “CORNUTO” dalla mattina alla sera? Noi…non andiamo a nozze come fanno gli esseri umani! Le nostre mucche sono belle e  fedeli…!

PÈGHERE: E ggià ca nge sìme vògghie dìsce angòre ngocch’e ccose sop’a nnù! Ngi-avònne sfruttàte tande e ppò tande e a la preffìne pretèndene pure l’òssere pe preparà u bbrote. Arrìve Natàle e ngi-accìdene a cendenàre a cendenàre. Arrìve la Pàsque e fàscene na carnefecìne. Accòme ce u Seggnòre iè venùte asselùte pe llore! Sciàme, sciàme, amengepàme! Mò ngi-avòmnn’a sendì! Am’a vedè ce le cose non avònn’a cangià pe nnù!
PECORA:     Già che ci siamo voglio dire ancora altro su di noi! Ci hanno sfruttato tanto e poi tanto ed infine pretendono pure le ossa per preparare il brodo. Arriva Natale e  ci sterminano,arriva Pasqua e fanno una carneficina. Come se il Signore è venuto solo per loro!
Andiamo, andiamo! Ci sentiranno, ora! Vedremo se le cose non cambieranno per noi!

ESCONO GLI ANIMALI IN CORTEO ED ENTRANO NELLA STALLA GIUSEPPE E MARIA

SCENA III

GESÈPPE: Come te sìinde Marì? Fasce assà fridde ddò! Stà nu granne selènzie e iìnd’a ll’àrie nu bbuène sprefùme. Mò pìgghieche nu pìcche de pàgghie e prepàreche nu giacìgghie.
GIUSEPPE: Come ti senti Maria? Fa molto freddo qui! C’è un grande silenzio e nell’aria un  buon profumo. Ora prendo un po’ di paglia e preparo un giaciglio.

MARÌ:   Care Pèppìne, sò pròbbie cattìve iìnd’a ccusse paìse! No ngi-avònne
date manghe na stanze addò pòzzeche sgravà m-bbasce!”
MARIA:        Caro Peppino, sono proprio cattivi in questo paese! Non ci hanno dato neanche una stanza dove io possa partorire in pace!

GESÈPPE:  Non de sì ngarecànne Marì, u Seggnòre iè bbuène e no ngi-
av’abbandenà. Mò statte calme e prepàrte a partorì.
GIUSEPPE:  Non preoccuparti Maria, il Signore è buono e non ci abbandonerà. Ora sta calma e preparati a partorire.

MARÌ: Che ttutte le settàne ca stonne a BBare, pròbbie ddò avèv’a menì. Iìnd’a na stadda frèdde e che ppìcca lusce.
MARIA: Con tutti i bassi che stanno a Bari, proprio qui dovevo finire. In una stalla fredda e poco illuminata.

(MARIA PRESA DALLE DOGLIE SI SDRAIA PER PARTORIRE)

(MUSICA E CORO DEGLI ANGELI)-(MARIA PARTORISCE ED AVVOLGE IL BAMBINELLO IN UN MISERO PANNO).

ENTRANO IL BUE E L’ASINO DOPO IL CORTEO

SCENA IV


CIÙCCE: Oh! Chembà Vove, e cchisse ce ssò? Mò le cacciàme a ccalge! Aspìitte…ma cusse iè nu neonàte! Sì vviste ce bbèlle Bammìne stà iìnd’a la mangiatòie? Iè ttutte freddeuàte, stà tremuèsce! Pure la Mamme e u u-Attàne mò me fàscene pène. Tremuèscene pure lore!
ASINO:     Oh! Compare Bue, e questi chi sono? Ora li cacciamo a calci! Un momento, ma quello è un neonato! Hai visto che bel Bambino sta nella mangiatoia? E’ tutto infreddolito! Anche la Madre ed il Padre ora mi fanno pena. Tremano anch’essi!

VOVE: Ce nge petìme fà? Non avìme nè ffuèche e nnè chevèrte. Accòme petìme
aità? U bambenìidde stà assà freddeuàte…
BUE:          Cosa possiamo farci? Non abbiamo né fuoco né coperte. Come potremmo
aiutarli?Il bambinello è troppo infreddolito….

CIÙCCE: Care Vove, datze ca sò nu scenziàte, sò acchiàte u remèdie pe fà scaldà
cusse peccenìnne…!
ASINO:      Caro Bue, poiché sono uno scienziato, ho trovato il rimedio per
riscaldare questo piccino…!

VOVE: Ce avèmm’a fà? La stufe nonn-è state nvendàte angòre, u termosifòne
manghe
BUE:        Cosa dovremmo fare? La stufa non è stata ancora inventata, il termosifone
nemmeno!

CIÙCCE: Chembàre de picca fète; mò ha da fàchèdde ca fazzeche iì!
ASINO:       Compare di…poca Fede; ora farai quello che faccio io!

IL SOMARO SI AVVICINA AL BAMBINELLO E COMINCIA AD ALITARE SU DI
LUI  RISCALDANDOLO  CON IL FIATO.

VOVE: Madònne! Gesù, Gesèppe e Marì! Ià rasciòne! U Bammìne stà pìgghie chelòre. Te stà rìte…ci-è cheriùse!
BUE:     Madonna! Gesù, Giuseppe, Maria! Hai ragione! Il Bambino sta riacquistando colorito. Ti sta sorridendo…!

CIÙCCE: Si vviste come se fasce, chembàre sènza sale n-gape?
ASINO: Hai visto come si fa, compare di poca intelligenza?

ANCHE IL BUE COMINCIA AD ALITARE SUL BAMBINO
(MUSICA…CANTI DI ALLELUIA)

  ENTRANO IL GALLO E LA PECORA

SCENA V


GARDÌIDDE : Chicchiricchiiii…!  Ternàme stanghe ma chendìinde! Avìme avùte
l’incòndre che l’autoretà ca ngi-ha premettùte de tenè cunde de ceccòse velìme acchiànne…Ma,…ma, ce stà seccète a cchidd’e ddu ddà: o vove e o ciùcce? Se stonn’a rezzeuà n-dèrre accòme ce avèssere vìscere malàte. Avvecenàmece e cercàme d’aitàlle! Ce stonne a merì?
GALLO:         Chicchiricchiiii…!Torniamo stanchi ma soddisfatti! Abbiamo ottenuto un incontro con l’autorità che ha promesso di vagliare le nostre richieste….
Ma,…ma,che sta succedendo a quei due là: il bue e l’asino?
Si stanno voltolando per terra come se avessero male alle viscere.
Avviciniamoci e cerchiamo di aiutarli…!Stanno morendo…?

CIÙCCE: Ce me stà seccète? Sènghe nu sort de predìte sop’a ttutte u cuèrpe e nu granne delòre a le rècchie…
ASINO: Che mi sta succedendo? Sento un grande prurito su tutto il corpo ed un grande dolore alle orecchie….

VOVE: Pure iì no me sènghe bbuène! Tènghe l’òssere ca me fàscene male e le corne mè s’avònne fatte peccenònne!
BUE: Anch’io non mi sento bene! Ho le ossa doloranti e le corna mi si sono ridotte!

GARDÌIDDE : Chemmàra pèghere, stà vite chèdde ca vègghe iì?
GALLO:  Comara pecora, stai vedendo quello che vedo io?

PÈGHERE: Sìiii! Sìììì! Iì stogghe addevendà matte! Acchiamìinde…u vove stà ppèrde le corne e la cote… e ppure u ciùcce non dène cchiù le rècchie longhe. Acchiamìinde, stonn’assì tutte e ddù da la pèlle…e u cuèrpe stà devènde accòme a ccudde de le crestiàne.
PECORA:      Siiii ! Siiii ! Io divento matta! Guarda,…il bue sta perdendo le corna e la coda,….;e pure l’asino non ha  più le orecchie lunghe….
Guarda,stanno uscendo tutti e due dalla pelle….e il corpo sta diventando come quello degli esseri umani.

CIÙCCE e VOVE: Gràzzie Seggnòre e…BBuèn Natàle
ASINO e BUE: Grazie Signore e…..Buon Natale! 

IL BUE E L’ASINO SI STANNO TRAMUTANDO IN ESSERI UMANI.
SCENA VI

MORALE: Tutte iìnd’a la vite tènene nu rùule azzeccàte, ma pe ccì fatìche p’u Seggnòre,
REGÀLE CHÈDDE CA PUÈTE, MA N-GÀMBIE, pRIME O PO’…HA D’AVÈ ASSÀ!
MORALE:  Tutti nella vita hanno un ruolo ben preciso, ma chi lavora per il Signore,
    DONA QUELLO CHE PUO’ MA IN CAMBIO, PRIMA O POI,…RICEVE MOLTO!

(Federìche Cardanòbbele Milenovecìindenovandatrè)
(Federico Cardanobile 1993)
Traduzione in dialetto : Gigi De Santis 2008